Skip to content
5 febbraio 2012 / samara

Ritorno in Algeria

Sul numero 933 di Internazionale è uscito un articolo interessante dal titolo: “Accadde nella casbah”, da Les Inrockuptibles. Mi è sembrata una storia interessante quella di questa giovane ragazza, Safinez Bousbia, che ha dedicato i suoi vent’anni all’organizzazione di un rincontro tra musicisti algerini del genere chaabi che avevano suonato insieme cinquant’anni prima, e che ora tornavano a suonare e a raccontare cosa ne era stato delle loro vite e della storia algerina degli ultimi decenni. Ecco qui il trailer:

E qui c’è il LINK alla casa di produzione che ha fondato Safinez e con cui ha realizzato il documentario.

Samara

Samara

5 febbraio 2012 / samara

Cartoline dalla cortina di ferro

Com’era la vita dietro la cortina di ferro?

Il canale “Arte” tedesco, ha realizzato 30 “cartoline” con le testimonianze di persone che raccontano la storia di quegli anni. Il progetto si chiama Farewell Comrades ed è la storia con la “s” minuscola che però svela aspetti poco conosciuti dell’epoca e ce la rende più vicina.

Samara

3 febbraio 2012 / samara

Consigli per scrittori e poeti

Il primo febbraio di quest’anno è morta la poetessa polacca Wislawa Symborska, premio Nobel per la letteratura nel ’96. Vi proponiamo un link – in spagnolo – con i consigli della poetessa ai giovani poeti che le avevano scritto chiedendo suggerimenti.

Linkiesta invece le dedica una galleria fotografica e alcune poesie.

Questo mi ricorda un “corso” che era uscito a puntate su Internazionale con i consigli di Louise Doughty ai giovani scrittori. Era molto interessante e ricostruiva il processo creativo per dare vita ad un racconto (dal tema, ai personaggi, alla struttura…). Vi inserisco qui (da scaricare) il pdf degli articoli che avevo copiato e incollato su un file unico. Se invece volete il link ai vari articoli è qui, ma sono presentati dall’ultimo indietro.

In ultimo, una conferenza molo bella di Ken Robinson su TED che tratta di scuola e creatività.

Ken Robinson says schools kill creativity
Samara

31 gennaio 2012 / samara

In cerca di eroi?

In tempi di crisi, siamo tutti in cerca di eroi che volino leggeri nei cieli delle nostre città a vigilare su di noi. Ecco il sogno di tre ragazzi che hanno contruito delle sagome volanti per farle sfrecciare nei cieli di NYC. Carino il video, anche se a mio giudizio mancano delle riprese in soggettiva. Con le telecamerine fish eye che ci sono oggi, sarebbe stata una figata!

Un ultimo appunto. Per fortuna non sono stati avvistati e abbattuti dall’aviazione americana! 🙂

Samara

31 gennaio 2012 / samara

Tutti contro Keynes

Perché, forse, il patto fiscale (con un tetto di debito strutturale dello 0,5%) stabilito dalla maggior parte dei paesi europei, non è una buona idea per uscire dalla crisi?

Eccovi un video molto ben spiegato sui meccanismi del debito e dell’austerità, ed un grafico del NY Times che visualizza i collegamenti tra i debiti dei vari paesi. L’effetto domino è abbastanza evidente!

In ultimo, un’infografica sul risparmio degli italiani!

A presto

Samara

30 gennaio 2012 / samara

Torniamo o continuiamo a produrre?

Spesso, nelle conversazioni in tempo di crisi, anche quando tra amici al bar si cercano le soluzioni globali, il discorso su cosa produce o no il nostro paese viene sovente a galla.

L’Italia ha smesso di produrre, la Germania no, viviamo di lavori troppo virtuali, la concorrenza cinese ha distrutto tutto, abbiamo solo la Fiat… Ma è tutto vero? E dati alla mano, qual’è la situazione settore per settore dell’industria manifatturiera italiana, quali le carenze? Ecco qui i dati in una serie di reportage e infografiche dell’Inkiesta.

Si parla di piastrelle, tessile, chimica, mobili, acciaio, metalmeccanica, elettrodomestici, armi, agroalimentare ed edilizia.

Samara

25 ottobre 2011 / samara

Sharing is caring

Un’idea carina da riprodurre al più presto in Italia e in altri paesi, e se riuscite a farne una, mandateci una foto.  Sono delle specie di camerini che possono essere costruiti in un parco, in un giardino, in un bar, dove la gente lascia quello che non gli serve più scrivendolo in un librone come “lasciato”. Altri, che passano di li dopo, danno un’occhiata, e se c’è qualcosa che puó servire loro, la prendono e lo segnano nel librone come “presi”.  Credo sia un bello scambio e un bel segnale dei nostri tempi: messi da parte i soldi, semplicemente quello che non serve più a me e serve a te e te lo regalo e poi, si dà una seconda vita a tanti oggetti per i quali altri possono trovare nuovi utilizzi, un po’ come un creative commons degli oggetti!! 🙂

Quando l’avrete fatto, o per cercare dove trovarne uno, potete consultare il “gruppo” in facebook dove si trova un’elenco dei vari già esistenti.

Samy

24 ottobre 2011 / samara

Espatriati forzati… o no

Non credo ci sia bisogno di commenti a questa interessante infografica sul nostro miglior prodotto nazionale: i cervelli in fuga. Perfino io che sono un’espatriata, sono stufa di sentir parlare di cervelli in fuga, ma questi dati, in mezzo a tante chiacchiere ripetitive, hanno un valore diverso credo.  Insieme anche ad altre infografiche proposte in calce, e attinenti al tema, restituiscono un panorama terrorifico del nostro paese e di ció che ha da offrire ai giovani.

http://www.linkiesta.it/fuga-cervelli

Questo é un suggerimento che potrebbe aiutare chi, dopo aver visto questi dati, voglia emigrare. Italians in fuga è un progetto molto interessante, tra i piú attivi nel mondo dei portali che si occupano di espatriati o “aspiranti” tali. Ricco, non solo di testimonianze, ma anche di consigli pratici utilissimi!

http://www.italiansinfuga.com/2011/10/23/che-tipo-di-lavoro-allestero-posso-trovare-con-la-mia-laurea/

E poi se volete avere una bella visualizzazione dei flussi migratori per vedere se seguire la corrente o meno, eccovi qui questo gioiellino:

http://migrationsmap.net/#/USA/arrivals

Samara

26 maggio 2011 / samara

“Diplomazia digitale”

Chi è passato per il mio blog sa che sono un’affiatata fan della tecnologia e dei social network, ma in queste settimane mi è capitato di leggere alcuni articoli che, insieme, mi preoccupano e mi danno da pensare. Ve li propongo qui.

Il primo era quello di Internazionale 897: “Alec Ross. Diplomazia digitale”. Di Corine Lesnes, Le Monde. (p. 66)

Da li, sono risalita all’articolo del New York Times, che viene citato nell’articolo della Lesnes: “Digital Diplomacy” di Jesse Lichtenstein.

Infine, l’altro giorno vedo quest’articolo: “Facebook to assemble global team of ‘diplomats'” di Mike Swift, Mercury News.

Riassumendo, e poi lascio a voi le riflessioni, nel primo e nel secondo articolo si parla di Alec Ross e Jared Cohen, due giovanissimi consiglieri alla Casa Bianca per l’innovazione e la tecnologia. Si parla di come questi giovani esperti stiano sviluppando un nuovo modo di gestire la diplomazia utilizzando i social network e le nuove tecnologie di aggregazione, il New York Times la chiama “digital diplomacy”. Si parla anche di interscambi e riunioni tra diplomatici, capi di governo di altissimo livello e questi due giovani esperti (interessante la visita fatta in Siria al presidente Al Assad poco prima dello scoppio delle proteste!).

L’ultimo articolo invece informa di come Facebook stia pianificando di creare dei teem diplomatici presso i vari paesi per tenere relazioni con i governi.

Ora mi chiedo, siamo tutti entusiasti del fatto che facebook, twitter e google mantengano rapporti stretti con i governi? Io non ne sono sicurissima. Per fortuna, la stessa tecnologia che sta facendo nascere la “digital diplomacy” è quella che favorirà anche gruppi “di controllo” come Wikileaks!

Samara

25 maggio 2011 / samara

“better life”, paese per paese

OECD è un’organizzazione che si occupa della cooperazione sociale e dello sviluppo, per promuovere politiche che migliorino la vita delle persone a livello sociale ed economico.

Ora, la OECD ha lanciato un bellissimo sito per la campagna “better life” che raccoglie dati sui vari paesi nel mondo offrendo degli indici utili ad analizzare la situazione delle diverse nazioni e a visualizzare le maggiori carenze ed i punti di forza.

  Questa è la pagina dei dati sull’ITALIA, personalizzabile.

Samara