Skip to content
30 luglio 2010 / raullarsen

Collezionare il mondo

Il numero estivo di Internazionale, come di consueto dedicato ai viaggi, apre con un bell’articolo di Helena Fitzgerald, pubblicato originalmente su The New Inquiry.

La traduzione non è completa, e soppratutto manca della citazione iniziale del testo di Walter Benjamin “Tolgo la mia biblioteca dalle casse”, asse centrale sui cui gira la tesi dell’articolo:  il viaggio come una forma di collezionismo, un’intento di “mettere le mani su un luogo e documentare tangibilmente la nostra presenza, il nostro rapporto con loro, come se veleggiassimo verso un paese inesplorato e dichiarassimo che il suo nome è America”.

Anche i lettori di Internazionale ci hanno provato al collezionismo. “Viaggiamo insieme” è stata una inziativa di raccogliere foto di viaggi, inviate dai fans di Internazionale inscritti alla pagina di Facebook.  Forse, come scrive Fitzgerald, “un tentativo di difenderse della transitorietà”.

Difesa per la quale altre civiltà trovano altre vie. Come testimoniava Geaorge Harrison, permeato dalla filosofia indiana, su The Inner Light: “senza uscire dalla tua porta puoi conoscere le cose del mondo”. The farest one travels, the less one knows.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: